Due compagnie aeree di paesi sudamericani, la Latam e la cilena Sky, hanno proposto di rimborsare il biglietto alle donne incinte che hanno rinunciato a recarsi nel luogo scelto per la vacanza per il timore di essere contagiate dal virus Zika. Le donne incinte che non vogliono riavere indietro i soldi possono chiedere di spostare il viaggio.

Diverse compagnie aeree che operano voli nelle zone più colpite dal virus Zika in America Latina stanno proponendo ai loro passeggeri di annullare o posticipare i loro viaggi, specialmente se si tratta di donne incinte, a causa del rischio che la malattia provochi malformazioni fetali. Ad esempio la compagnia aerea dell’America latina Latam ha previsto il rimborso o lo spostamento di data delle prenotazioni sui voli verso Brasile, Colombia, El Salvador, Guatemala, Honduras, Messico, Paraguay, Venezuela, Ecuador, Bolivia e altre destinazioni. Anche British Aiways, American Airlines e United Airlines hanno adottato misure equivalenti, specialmente per i loro voli a destinazione del Brasile, la Colombia e il Messico.
Ma capiamo cos’è il virus Zika e perché è difficile fermarlo. Il virus zika, trasmesso dalle zanzare e arrivato in Brasile nel maggio del 2015 ed ha ormai raggiunto altri 17 paesi delle Americhe. Fino a ottobre non era ritenuto una grande minaccia: solo un quinto delle persone colpite si ammalava e in genere provocava solo un po’ di febbre, eruzioni cutanee, dolori articolari e arrossamento degli occhi. Dopo, però, sono cominciate a emergere prove di possibili malformazioni nei feti e problemi neurologici negli adulti.
Il 15 gennaio i Centri per la prevenzione e il controllo delle malattie (Cdc) negli Stati Uniti hanno consigliato alle donne incinte di non andare nei paesi in cui ci sono focolai d’infezione. Il virus, per cui non esiste un vaccino, è stato isolato per la prima volta nel 1947 in una scimmia della foresta di Zika, in Uganda. Da allora si sa che ha provocato piccole epidemie sporadiche in alcune regioni africane e del sudest asiatico. Invece in Brasile, per motivi ancora oscuri, subito dopo il suo arrivo avrebbe contagiato un milione e mezzo di persone.

Published by Flycare

29 gennaio 2016

Virus Zika, compagnie aeree rimborsano i biglietti aerei per donne incinte.

Due compagnie aeree di paesi sudamericani, la Latam e la cilena Sky, hanno proposto di rimborsare il biglietto alle donne incinte che hanno rinunciato a recarsi nel luogo […]
14 gennaio 2016

Novità 2015 rimborso anche per guasto tecnico

Cancellazione o ritardo per guasti tecnici: è previsto il rimborso Con la sentenza del settembre 2015, la Corte di Giustizia Europea ha fatto ulteriore chiarezza circa […]