Passeggeri violenti a bordo: gli episodi di aggressione in volo sono in aumento

Avete mai sentito parlare di passeggeri violenti in volo? Avete mai condiviso il vostro volo con passeggeri poco educati e che sono stati addirittura immobilizzati? Vi raccontiamo alcune storie curiose su passeggeri violenti in volo che, purtroppo, aumentano sempre di più.

Aggressioni verbali e fisiche, passeggeri ribelli in volo

Si contano almeno 9837 incidenti negli ultimi anni riguardanti passeggeri violenti in volo che, per un motivo o l’altro si sono dimostrati maleducati e sono state prese delle serie precauzioni nei loro confronti. Si parla anche di 211 condotte sessuali inappropriate.

Aumentano sempre di più i passeggeri che si dimostrano violenti per varie ragioni, la più comune è l’alcool e il fatto che, soprattutto durante voli lunghi alzano un po’ il gomito. L’International Air Transport Association (Iata) afferma che i casi sono tantissimi e in aumento del 50%, facendo riferimento solo agli eventi che sono stati registrati dalle compagnie aeree. Dal 2007 si registrano quasi 59 mila incidenti avvenuti in volo a causa di passeggeri violenti. L’anno in cui se ne sono registrati di più è stato senza dubbio il 2016. Si parla di minacce verbali, fisiche e ripetuti tentativi di entrare nella cabina di pilotaggio. Sicuramente, i passeggeri violenti sono solo una piccola fetta dei miliardi di passeggeri che volano ogni anno.

Vi raccontiamo alcuni episodi che sicuramente rimarranno impressi nella mente di quei viaggiatori che si sono trovati su questi voli in questione. Su un volo JetBlue da Los Angeles a New York hanno dovuto bloccare un passeggero violento legando le mani dietro al sedile. La causa? Mordeva gli altri passeggeri. Anche un medico che cercava di tranquillizzare il passeggero è stato morso. Dopo vari tentativi per calmare il passeggero violento, il pilota ha dovuto effettuare un atterraggio di emergenza a Las Vegas per poter far scendere il passeggero in questione.

La maggior parte degli incidenti che si verificano in volo sono di tipo verbale, successivamente si passa al livello due ovvero all’aggressione fisica (in aumento del 10% rispetto gli anni passati). Il livello tre è caratterizzato dalle “condotte inappropriate dal punto di vista sessuale”. Il problema maggiore è dovuto all’alcool. Si è cercato più volte di aprire un dialogo con gli aeroporti che vendono alcolici. Molti passeggeri arrivano sul volo già ubriachi e alcuni tra questi perdono il controllo e si dimostrano violenti ed aggressivi. Altri passeggeri vogliono a tutti i costi fumare mentre sono in volo, si nascondono nei bagni per farlo. Inoltre, ci sono anche molti passeggeri che non resistono e vogliono per forza tenere accesi i cellulari o, nella peggiore delle ipotesi, non vogliono mettere la cintura di sicurezza.

L’alcool può rendere i passeggeri violenti: cosa possono fare gli assistenti di volo in questi casi

Uno degli ultimi casi riguarda una donna che si è infuriata perché gli assistenti di volo non volevano più darle champagne. Si tratta di una donna svizzera di 44 anni che sul volo Mosca-Zurigo è diventata aggressiva perché voleva altro champagne. L’aereo è dovuto atterrare d’emergenza a Stoccarda, motivazione: passeggero violento a bordo. La signora svizzera ha anche ricevuto una multa di 5000 euro.

La Frankfurter Allgemeine ha affermato che, essendo la donna molto alterata, il personale ha deciso di non servirle altro champagne. La donna ha anche afferrato il polso di un assistente di volo. L’aero della Swiss Airline è dovuto atterrare a Stoccarda per tre quarti d’ora. La passeggera violenta è stata fatta scendere dall’aereo. Il pilota si è rifiutato di farla risalire a bordo.

Passeggeri violenti a bordo: gli episodi di aggressione in volo sono in aumento

È molto importante che tutti gli assistenti di volo siano preparati ai possibili passeggeri violenti. L’obiettivo è sapere gestire bene una situazione difficile e, per fare ciò, bisogna essere preparati. Gli assistenti di volo vengono addestrarti a fermare i passeggeri violenti, anche dal punto di vista fisico, ma fino ad un certo punto. Il direttore di Green Light Philip Baum sconsiglia agli altri passeggeri di dare una mano perché non si può mai sapere a cosa si va incontro.

Per ogni tipo di problema con il vostro volo potete contattare Flycare. Qui potete compilare il modulo gratuitamente.

Grazia Maietta