Voli in ritardo, maltempo e cause straordinarie: Natale in aeroporto

Il periodo natalizio è considerato il secondo peggior periodo dell’anno in cui volare, soprattutto dal 20 dicembre al 7 gennaio. Il primo posto viene lasciato al periodo estivo. Viaggiare in questo periodo dell’anno a volte è necessario, si torna a casa per trascorrere le feste con amici e parenti, si vuole trascorrere il Capodanno fuori ed il rischio che il volo sia in ritardo aumenta. Diamo un’occhiata a come poter superare questo periodo critico per i voli.

Volo in ritardo e i diritti dei passeggeri

In questo periodo dell’anno le chance che un volo sia in ritardo sono del 50% e le cause sono varie: condizioni climatiche, inefficienza delle compagnie aeree, poco personale e molto altro. Le compagnie aeree sono molto brave a manipolare le spiegazioni riguardanti il ritardo che vengono date ai passeggeri. Secondo le statistiche di Eurocontrol, l’anno scorso è stato il periodo peggiore con un numero elevatissimo di ritardi. In caso di ritardi molto lunghi la regolamentazione dell’Unione Europea protegge i passeggeri che viaggiano da e per l’Unione Europea. Quindi, non preoccupatevi un volo in ritardo può causare problemi ma siete tutelati. Il problema principale riguarda il maltempo. Se la compagnia aerea riesce a dimostrare che il ritardo è stato causato da condizioni metereologiche straordinarie non è tenuta a risarcire i passeggeri.

Voli in ritardo, maltempo e cause straordinarie: come affrontare il periodo natalizio in aeroporto

La lista di SKYCOP per aiutare i passeggeri che viaggeranno nel periodo natalizio

Per aiutare i passeggeri che dovranno prendere dei voli durante il periodo natalizio, soprattutto nei giorni di fuoco, poco prima del Natale e del Capodanno, SKYCOP ha deciso di preparare una lista di situazioni e condizioni a cui possono andare incontro nel secondo peggior periodo dell’anno, quando sono tutelati e quando no.

La prima situazione in cui si va incontro quando si arriva in aeroporto sono la lunghissima fila al check-in, ai controlli e ai gate. Gli aeroporti assumono più personale nel periodo natalizio per gestire al meglio la massa e per garantire il minor tempo di attesa possibile. Molte compagnie aeree decidono di aprire il desk per lasciare il bagaglio da stiva qualche ora prima del normale.

Molte volte, i ritardi vengono causati dal tempo atmosferico e anche dal semplice ghiaccio che si deposita sugli aerei a causa delle basse temperature e deve essere rimosso così come facciamo dalla macchina che è rimasta parcheggiata fuori tutta la notte. Ma, a volte, non c’è abbastanza personale per farlo e si aspettano pochi minuti prima dell’imbarco.

Voli in ritardo, maltempo e cause straordinarie: come affrontare il periodo natalizio in aeroporto

Molti aeroporti, non sono attrezzati per affrontare tempeste di neve e condizioni atmosferiche critiche, ma questa non può essere considerata una causa straordinaria. Tutti gli aeroporti devono essere in grado di sgombrare le piste di decollo e di atterraggio per non causare ritardi.

La mancanza di personale non può essere considerata una causa straordinaria perché tutte le compagnie aeree devono avere a disposizione hostess, stewart e piloti pronti a prendere il posto di coloro che si dichiarano malati. È normale che, nel periodo invernale, virus, raffreddori e febbre possano colpire i membri dell’equipaggio ma, il volo non può essere in ritardo per questo motivo.

Infine, quando si hanno dei problemi tecnici tutti i passeggeri hanno diritto ad avere un rimborso per il ritardo subito.

Ricordatevi che, qualunque sia il problema con il vostro volo potete fare affidamento su Flycare che, anche in questo periodo difficile dell’anno saprà aiutarvi.

Buon viaggio!

Grazia Maietta