Catania Fontanarossa: il quinto aeroporto più trafficato d’Italia

Continua la nostra panoramica sugli aeroporti più trafficati d’Italia. Il quinto per traffico di passeggeri è l’aeroporto Fontanarossa di Catania ed è anche il principale scalo del Meridione. Vediamo nel dettaglio tutto quello che c’è da sapere sull’aeroporto di Catania e quali sono le tratte più trafficate.

Catania Fontanarossa, il primo aeroporto dell’Italia Meridionale.

L’aeroporto di Catania Fontanarossa si colloca al quinto posto degli aeroporti più trafficati di Italia per traffico di passeggeri elevato nel 2017. L’aeroporto è stato sottoposto a tanti lavori di ristrutturazione per renderlo più efficiente possibile. Nel 2018 è stato aperto anche il nuovo terminal C dedicato ad EasyJet. È il primo aeroporto anche della Sicilia, uno dei principali punti di riferimento per turisti nazionali ed internazionali.

Nei primi mesi del 2018 ha totalizzato un numero molto alto di passeggeri. Questo è dovuto anche alla tratta più trafficata a livello nazionale, ovvero Catania-Roma. A livello europeo è la quarta tratta più trafficata. Un ottimo risultato! Si prevede un incremento del traffico nei prossimi mesi anche grazie ai tanti voli di linea e charter.

Dopo Roma Fiumicino le altre tratte più trafficate sono Milano Linate, Malpensa e Bergamo. Per quanto riguarda quelle internazionali abbiamo London Gatwick, Amsterdam e Malta. La posizione geografica favorisce molti spostamenti anche in Egitto. Le compagnie che maggiormente operano sono Alitalia, Vueling, EasyJet, Ryanair, British Airways e Air Malta.

Ritardi e voli cancellati all’aeroporto di Catania Fontanarossa

L’aeroporto di Catania può essere soggetto a parecchi voli cancellati o in ritardo a causa della sua posizione. Le ceneri vulcaniche, talvolta, possono invadere lo spazio aereo e le piste durante le eruzioni. Per cui, per motivi di sicurezza, i voli vengono dirottati su altri aeroporti. Nel 2010 è stato installato un radar molto innovativo per monitorare le nubi di cenere.

Nonostante ciò, il traffico aereo del sud-est della Sicilia è cresciuto del 19% arrivando a 1.6 milioni di passeggeri. Uno degli eventi che più ha fatto parlare dell’aeroporto di Catania per quanto riguarda i ritardi si è verificato a giungo di quest’anno. Dodici ore di attesa per molti passeggeri che dovevano salire su un volo della Norwegian Airlines che, alla fine, non è mai atterrato a Catania. Si è riportato che la causa fosse il maltempo che, in realtà, non c’era. Resterà ancora un mistero il perché l’aereo non è mai atterrato all’aeroporto di Catania.

Catania Fontanarossa: il quinto aeroporto più trafficato d’Italia

Come raggiungere l’aeroporto Fontanarossa dal centro di Catania

L’aeroporto dista 10 km dal centro della città. Come sempre il modo più economico per raggiungere l’aeroporto è con l’autobus. L’Alibus della AMT effettua il tragitto da e per l’aeroporto in soli 20 minuti fermando alla stazione ferroviaria di Catania. Il servizio è in funzione dalle 4.40 alle 24.00. Il costo del biglietto singolo è di 4 euro e può essere usato anche sugli altri mezzi ATM in città.

L’alternativa più comoda ma più costosa per raggiungere l’aeroporto è il taxi. Il costo è di circa 18 euro. I prezzi, però variano a seconda del punto di arrivo partendo dall’aeroporto e dal punto di partenza muovendosi dalla città.

 

Per voli in ritardo o bagagli smarriti potete sempre fare affidamento su Flycare.