Le città più economiche in Europa

voli economici: come trovarli
Voli economici: trovarli è facile, basta essere furbi. Scopri come..
5 Febbraio 2019
Lavorare per Fly Emirates: il racconto di una ex assistente di volo
Lavorare per Fly Emirates: il racconto di una ex assistente di volo
11 Febbraio 2019
Le città più economiche in europa

Voglia di viaggiare, senza però spendere molto? Meglio allora restare in Europa. Nel nostro continente, grazie alla nostra plurimillenaria storia, abbiamo una lunga lista di stupende città da visitare e da scoprire. Alcune di queste sono tra l’altro molto economiche, per cui preparatevi a fare dei veri e propri affari. E ad aggiornare il vostro profilo Instagram!

Un vanto europeo

Coloratissime, piene di storia e cultura, ed estremamente dinamiche. Oggi con i voli low cost e con siti come Booking ed Airbnb – uniti all’abilità di evitare l’alta stagione! – in Europa si possono vedere metropoli davvero stupende, raggiungibili con pochissime ore di volo.

Vediamone alcune: sicuramente per qualche nome resterete sbalorditi!

Sofia (Bulgaria)

Iniziamo dalla Capitale della Bulgaria, che ingiustamente rimane sempre fuori dalle rotte turistiche. Si tratta infatti di una città davvero stupenda, ricca di storia e proprio perché non molto blasonata è anche estremamente economica, sia nei voli sia per il costo della vita.

Rimarrete sicuramente ammirati per la commistione di stili architettonici, che ne evidenziano una storia multiculturale: ci sono infatti moschee, chiese, edifici sovietici e musei d’avanguardia, che rendono unica e particolare la sua atmosfera (soprattutto per i giovani, che tra l’altro sono quelli ad avere meno disponibilità economica).

Budapest (Ungheria)

Grande classico delle mete economiche, ma sicuramente stupenda, è Budapest, la capitale ungherese. Con i suoi edifici Art Nouveau, belli e maliconici e le cattedrali gotiche, nonché con il Danubio, la città offre splendidi paesaggi, ottimo cibo e prezzi convenienti.

Ad agosto poi c’è un festival musicale cui partecipano artisti da tutto il mondo, come Lana Del Rey: lo Sziget Festival.

Cracovia (Polonia)

Tutta la Polonia – in passato il Regno più vasto d’Europa – è una meta stupenda e tutta da scoprire, nonché molto economica. Cracovia è forse la città più bella, immersa in tante sfaccettature e con una romantica atmosfera d’altri tempi. E vi sorprenderà anche con una cucina buonissima (specie i pierogi, dei ravioli con diversi ripieni).

Stupendo anche il quartiere ebraico, punto focale per la Storia del Novecento.

Parigi (Francia)

Parigi?! Si, anche Parigi può diventare particolarmente accessibile. Della sua magia sarebbe inutile parlare, con i suoi passages, i suoi boulevards, le sue viette, la sua arte e la sua cultura.

Parigi è facilmente raggiungibile con le low cost, e può essere molto economica nelle zone giuste con gli alberghi (specie Montmartre). E nei bistrot si può spendere davvero poco, mangiando ottimo formaggio, crepes e bevendo vini indimenticabili.

I mezzi di trasporto? Con €1,60 potete muovervi in tutta la città, con ogni mezzo.

Lisbona (Portogallo)

Sicuramente suggestiva, e tra le più economiche, è Lisbona, capitale del Portogallo. Una città “faticosa” (per le sue salite eleganti), e con panorami mozzafiato per via del mare e delle colline, è piena di cultura e di monumenti maestosi che si possono scoprire anche con i caratteristici tram (tra cui il leggendario numero 28).

Del cibo poi, neanche a parlarne: da gustare con un bicchiere di Porto!

Bratislava (Slovacchia)

Una destinazione che molti di voi troveranno insolita e sconosciuta ma, fidatevi, sarà una scoperta davvero bella (nonché economica). Bratislava sa conquistare tutti, soprattutto con il castello e con la chiesa blu, con il ponte futuristico sul Danubio, e anche con la sua arte: qui infatti si svolge la Biennale dell’Illustrazione.

Inoltre, ad un’ora di treno c’è Vienna, la meravigliosa capitale austriaca.

Bucarest (Romania)

Un po’ come Sofia, Bucarest – capitale romena – è poco conosciuta, vista più come uno scalo per andare in Transilvania. Ma anche lei sa stupire, con il suo dinamismo: infatti il suo passato sovietico si scontra con le tradizioni balcaniche e con le culture occidentali, creando anche nel suo caso un’atmosfera davvero multiculturale.

Nel mercato di Obor poi potrete acquistare libri, vinili, o le Sibiu, famosissime salsicce locali.

Lussemburgo (Lussemburgo)

Tra le mete che pensavate costose e che invece sono particolarmente accessibili (una doppia in hotel ha un prezzo medio di 57 euro) c’è anche il Lussemburgo, con la sua omonima capitale.

Certo, rispetto a capitali come Bucarest, Budapest e Bratislava non è così economica, ma non è nemmeno così eccessiva come le capitali scandinave o Londra. Un po’ come Parigi, bisogna andare nei posti giusti. E poi i voli costano pochissimo.

Il suo centro storico è interamente pedonale, e si possono acquistare prodotti tipici come il cioccolato e le porcellane. Il tutto in un contesto architettonico da fiaba (del resto, ci troviamo in un Granducato…).

Praga (Repubblica Ceca)

Altra città stupenda è Praga, capitale della Repubblica Ceca molto economica, amatissima dagli estimatori dello stile gotico e dei colori pastello (visto che è piena di edifici di questo tipo).

Il suo centro storico è oggi patrimonio UNESCO, e particolarissimo è il castello, ovvero la più grande fortezza del mondo che raccoglie il Parlamento e la Cattedrale di San Vito, con le sue particolari vetrate colorate.

Molto bello anche il Ponte Carlo (così chiamato per commissionato da Carlo IV, Re di Boemia, nel 1357) con le sue 30 statue barocche. Ma non fatevi ingannare: sono delle copie, quelle vere sono saggiamente conservate all’interno del museo.

Bruxelles (Belgio)

Elegantissima anche la capitale belga, sede della Commissione Europea: Bruxelles. Ma non fatevi ingannare, è elegante ma si può vivere anche spendendo poco. Pensate che i voli dall’Italia a Bruxelles sono tra i più economici che potete trovare.

Una città dalle mille culture, con mercati chiassosi e colorati che la connotano come metropoli vissuta e autentica, caratterizzata da un mix di edifici antichi e grattacieli vetrati in contrasto (un po’ quello che sta accadendo nella Nuova Milano, zona Garibaldi e City Life).

E poi se amate il cioccolato, una tappa nella patria del cioccolato belga è d’obbligo, insieme a certamente le birre belghe, anch’esse molto famose e apprezzate nel mondo. Se avete tempo da lì si raggiunge facilmente Bruges, altra splendida località belga.

Atene (Grecia)

Opinione comune è che ad Atene “ci sia solo l’acropoli”. Ma in realtà è una città tutta da scoprire, perché questa sua enorme eredità storica si unisce ad un presente vivo, sospeso, dinamico e reale.

Atene lascia una vera magia al viaggiatore: quindi sì, c’è l’Acropoli, l’Agorà, il Pireo, i musei di archeologia. Ma ci sono anche dei lati coloratissimi, tra cui ristorantini, gallerie artistiche, quartieri che stanno rinascendo e che stanno vivendo un fermento artistico.

E ovviamente la cucina greca non è per niente da buttare, anzi. La Grecia – pur essendo Atene la sua capitale, metropoli e quindi città più cara – ha prezzi bassi quindi anche molto accessibili per noi.

Inoltre, è vicinissima all’Italia, con cui del resto condivide molto del suo glorioso passato.

Amsterdam (Paesi Bassi)

La capitale olandese è sicuramente la città delle biciclette, e soprattutto è amata dai giovani e conosciuta per il suo lato estremamente libertino (parliamo ovviamente delle droghe leggere e delle vetrine dei Coffee Shop).

Ma a parte questo è una città stupenda dove poter passeggiare romanticamente lungo i suoi canali, e dove poter fare dello shopping diverso e all’avanguardia. Per non parlare poi dell’arte con il Van Gogh Museum e il Rijksmuseum.

Famoso è anche l’Uitmarkt, ad agosto, un festival all’aperto che riempie la città di spettacoli, film e concerti coloratissimi.