Come passare il tempo in aereo senza annoiarsi

Polemiche contro la nuova policy per il bagaglio a mano di Ryanair
Polemiche contro la nuova policy per il bagaglio a mano di Ryanair
25 Ottobre 2018
Viaggiare con i neonati: tutti quello che c’è da sapere per volare sicuri
Viaggiare con i neonati: tutti quello che c’è da sapere per volare sicuri
14 Novembre 2018
Come passare il tempo in aereo senza annoiarsi

Non è passato molto tempo da quando l’aereo era un mezzo “per ricchi”, usato praticamente solo da grandi imprenditori o comunque gente che poteva permetterselo. Oggi invece grazie all’avvento delle compagnie low cost come EasyJet e Ryanair anche l’aereo è un mezzo di trasporto di massa, usato per coprire le lunghe distanze da tutti. Ma proprio perché si tratta di distanze lunghe, il tempo minimo di viaggio è un’ora e mezza e, quindi… che fare per non annoiarsi?

Si usa per tutto

Se ci pensiamo, l’aereo è un’invenzione davvero antica, molto più di quella del treno dal momento che fu Leonardo da Vinci a “sperimentare” un suo vero antenato. Poi, certamente, abbiamo dovuto aspettare il XX secolo per vedere dei veri aerei circolare, prima in ambito militare e bellico – furono la svolta e l’arma vincente di alcuni eserciti durante la prima guerra preparare, che colsero infatti impreparate altre nazioni – e poi anche civile (dopo la seconda guerra mondiale) con il vero e proprio avvio dei traffici internazionali, e i grandi imprenditori, i potenti, i politici, i Reali, i ricchi in generale che viaggiavano per affari o per diletto raggiungendo velocemente posti prima altrimenti estremamente lontani – e anche destando l’invidia e la curiosità di chi ancora non poteva raggiungere alcuni luoghi, perché un tempo l’aereo era davvero estremamente caro.

Poi sono arrivate le compagnie low cost, che di fatto hanno segnato una rivoluzione nel settore, facendone anche la storia. Esse infatti, con prezzi che a volte sono addirittura più bassi di un biglietto del treno da Milano a Roma, hanno permesso a tutti di viaggiare (almeno in Europa e alcuni luoghi extraeuropei abbastanza vicini al Vecchio Continente), arricchendo le loro conoscenze e scoprendo posti nuovi. In particolare, sono i giovani di oggi, i Millennials, ad apprezzare maggiormente questa innovazione, essendo come tutti i giovani caratterizzati da una grande voglia di viaggiare e scoprire, pur non avendo molti risparmi da investire.

Ma al di là dei giovani, oggi l’aereo è un mezzo davvero usatissimo se si devono percorrere distanze molto lunghe, sia che per i viaggi lavorativi sia per le vacanze. Naturalmente, come in tutti i viaggi lunghi si presenta il problema di cosa fare durante il tragitto, e trovare una soluzione a questo quesito può non essere sempre così semplice, e alla fine ci si annoia a morte durante un volo soprattutto perché (e specie nei voli low cost) lo spazio a disposizione non è tantissimo, ci si può muovere poco per cui tutto il tempo passato all’interno della grande cabina volante sembra non finire mai. Ma non preoccupatevi: speriamo infatti in questo articolo di fornirvi idee e suggerimenti per passare meglio e più serenamente il vostro prossimo viaggio.

Leggere, ascoltare, guardare

La cosa bella dei libri è che anche quelli più corposi riescono comunque a stare in bagagli di piccoli dimensioni quali sono i bagagli a mano. Ecco perché se ci piace leggere, o se lo facciamo raramente comunque un buon libro non dovrebbe mai mancare a bordo – o comunque qualcosa da leggere, vanno benissimo anche guide e riviste. Se ciò che leggiamo ci interessa, allora il tempo passerà davvero molto velocemente e quasi non ci accorgeremo del tempo che è passato. Inoltre tale attività è silenziosa e non disturba gli altri passeggeri, anche nelle ore di buio dal momento che gli aerei sono predisposti per rendere più comoda la lettura con delle luci poste sopra ogni sedile che quindi illuminano solo il libro senza dare fastidio. Se avete un viaggio lungo, portatevi libri lunghi o diversificatevi l’offerta magari con libri dell’università o di studio in generale e libri personali.

>Se non vi piace leggere o vi siete svegliati troppo presto per farlo allora ascoltate la musica, e oggi ci sono davvero tanti modi per farlo: se avete l’animo vintage potete usare un lettore mp3/mp4 (fa strano pensare che sia già roba vintage) che non hanno neanche il problema delle radiazioni se non hanno moduli wifi – come iPod Touch; ma ascoltare la musica lo si può fare da smartphone, tablet e PC portatile. Insomma, non rimarrete senza, ma ricordate che se alzate troppo il volume oltre a farvi del male potreste disturbare i vicini, perché la musica poi si sentirebbe.

Non vi va neanche la musica? Allora abbiate cura di scaricare i film o gli episodi delle serie TV da Netflix o di comprarli prima del viaggio su qualsiasi piattaforma (Google Play Video, Chili, iTunes) in modo che potrete sfruttare l’assenza di internet per poterne ugualmente fruire. Se però non ci avete pensato, potreste avere la fortuna (se il vostro volo è lungo) di viaggiare su un aereo nel quale la compagnia mette a disposizione tanti film in diverse lingue, fruibili dagli schermi di cui sono dotati i sedili.

Dormire e/o camminare, dopo una bella mangiata

Mangiare, che ci crediate o no, fa scorrere più velocemente il tempo. E sì, anche quando il cibo servito non è propriamente quello che mangiamo a casa, come spesso succede a bordo degli aerei (ma cosa vogliamo aspettarci, alla fine?). Il consiglio è, quindi, quello di approfittare sempre dei servizi di ristorazione e di prendere the, latte o caffè quando vi viene proposto perché state certi che almeno quell’oretta vi passerà molto velocemente. Anche perché decidere di saltare una proposta di pasto potrebbe essere doppiamente sconveniente, e di solito passa anche molto tempo tra un service e l’altro.

per alzarvi un po’ e camminare avanti e indietro tra i corridoi. Si tratta non solo di una maniera di non annoiarsi, ma anche di sgranchirsi un po’, di riattivare la circolazione evitando fastidiosi se non gravi problemi. Certamente questo non può essere fatto nei voli di breve durata (due ore), fatti su aerei piccoli e stretti che quindi difficilmente rendono comoda la passeggiata, la quale anzi intralcia il personale di servizio. Questo è infatti un consiglio per quei voli molto lunghi, dove gli aerei hanno più corridoi, e sono abbastanza larghi. Comunque, state sempre attenti a non dare fastidio alle hostess e agli steward di bordo.

Infine, concludete quanto iniziato con una bella dormita, in cui il cervello si riposa, va in pausa e smette di contare il tempo. È noto infatti che quando dormiamo il tempo ci passa molto più velocemente, perché proprio non ci accorgiamo che passa. Inoltre quando si tratta di viaggi particolarmente lunghi con quindi un fuso orario dormire aiuta meglio ad affrontare la differenza di orari quando arriviamo. Penserete però al problema della comodità, non sempre presente sugli aerei e che rende molto difficile alle persone dormire durante il viaggio. In tal caso, portatevi un cuscino da posizionare vicino al collo e che quindi aumenta il comfort, e prendetevi delle gocce di valeriana o altri rilassanti naturali per facilitarvi l’impresa. Se aggiungete anche un po’ di buona musica rilassante, il gioco è fatto!

Meglio lavorare o meglio svagarsi?

Chi viaggia per lavoro e ha un volo molto lungo potrebbe vedere tutto quel tempo in aereo non come perdita di tempo, bensì come possibilità di portarsi avanti, magari scrivendo alcuni articoli o scritti di altro genere, concludendo delle pratiche, montando dei video, lavorando al sound di qualche brano, facendo delle grafiche e insomma tutto quello che un PC portatile moderno di ottima fattura consente di fare (naturalmente dipende anche dalla fascia prestazionale a cui appartiene il vostro strumento). L’importante è che vi ricordiate di mettere la modalità aereo, perché del resto l’uso dei portatili – come abbiamo già visto – è consentito durante il volo. Stesso discorso vale per gli studenti, che possono magari scrivere o sistemare gli appunti, la tesi e comunque portarsi avanti con il loro materiale didattico.

Se però proprio non avete voglia di lavorare, o se proprio non dovete farlo o non potete perché il lavoro non è su PC allora potete svagarvi un po’. Per esempio se avete un vicino particolarmente socievole potete scambiare qualche parola con lui, e chissà magari trovate un nuovo amico. Ma se voi non siete quel tipo di persona, o se non lo è il vicino allora potete giocare sulla consolle portatile se l’avete o sullo smartphone, se vi siete scaricati dei giochi dagli appositi store. Certo, abbassate il volume o usate le cuffie altrimenti creerete disturbo agli altri!