Sciopero voli 25 novembre 2019. Scopri come evitare i disagi e chiedere il rimborso

Sciopero voli 25 novembre 2019. Scopri come evitare i disagi e chiedere il rimborso

Sciopero aereo 25 novembre 2019

A causa dello sciopero di domani tanti saranno i passeggeri che si vedranno cancellare il volo o subiranno forti ritardi.

Sciopero aereo 25 novembre 2019. Le cause

Non finiscono gli scioperi che interessano ormai da mesi il trasporto aereo, lunedì 25 novembre ci sarà l’ennesima protesta che bloccherà gran parte dei voli programmati in tutta italia. Lo sciopero aerei del 25 novembre è stato indetto dai sindacati ast-Confsal, Cub Trasporti/AirCrowCommittee, Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uilt-Uil, UGLTA e Assivolo Quadri e coinvolgerà anche il personale dipendente di Alitalia, Air Italy ed ENAV. La protesta sarà a livello nazionale ma a questa si aggiungeranno altre proteste locali e precisamente nel Centro di Controllo d’Area di Padova, Centro di Controllo d’Area di Brindisi, Aeroporto Milano Linate – struttura ARO CBO, Aeroporto di Ancona Falconara, Aeroporto di Perugia, Centro di Controllo d’Area di Roma, Aeroporto di Roma Ciampino, Aeroporto di Bari, Aeroporto di Pescara.

Ma attenzione, lo sciopero che inizialmemnte era previsto di 24 ore dalla mezzanotte del 24 novembre alle 23.59 di lunedì 25 novembre è stato ridotto a sole 4 ore. 

Sciopero Enav lunedì 25 novembre 2019: protesta ridotta da 24 a 4 ore

L’ Enav, società che si occupa di gestire i servizi alla navigazione aerea civile nello spazio aereo di competenza italiana, su disposizione del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti con una nota ha comunicato la riduzione dello sciopero da 24 a 4 ore (dalle 13.00 alle 17.00). Sul punto ecco quanto sottolineato da  Roberta Neri, amministratore delegato di ENAV: “accogliamo con favore quanto deciso dal Mit. In questo momento stiamo lavorando in coordinamento con le compagnie aeree per ripristinare l’operatività dei voli recando meno disagio possibile all’utenza nella giornata di lunedì 25. Siamo confidenti e ottimisti che, nonostante il breve tempo a disposizione, si possa garantire la puntualità di tutti i voli nelle ore fuori dalla fascia oraria dello sciopero“. In sostanza i viaggiatori dovranno tenersi informati attraverso il sito della compagnia aerea su eventuali ritardi e cancellazioni dei voli.

Sciopero aereo 25 novembre 2019. Come evitare i disagi

Per evitare al meglio i disagi il consiglio è quello di verificare il sito della compagnia aerea con la quale si viaggerà e verificare la lista dei voli in ritardo o eventualmente cancellati. Ad esempio, la compagnia aerea low cost Ryanair, in vista delle agitazioni sindacali di domani, dichiara di aver già avvertito tramite SMS ed e-mail, tutti i passeggeri i cui voli saranno interessati dalle cancellazioni. In particolare afferma che i passeggeri che non siano stati informati potranno presupporre che il loro volo opererà regolarmente. 

comunicazione Ryanair per sciopero aereo

Anche la compagnia aerea Volotea sul proprio sito anticipa che lunedì 25 novembre i passeggeri potranno subire disagi e per questo ha pubblicato due liste, una per i voli riprogrammati ed una per i voli cancellati. 

comunicazione voli cancellati Volotea

Ad ogni modo si consiglia di anticipare di qualche ora l’arrivo in aeroporto. Il grande flusso di viaggiatori e la carenza di personale potrebbe creare code ai controlli di sicurezza.

Come ottenere il rimborso in caso di sciopero aereo?

In pochi sanno che sono previste delle fascie orarie nelle quali il trasporto aereo non può essere interrotto anche in caso di sciopero. Tutti gli operatori aeroportuali e i vettori stessi, hanno l’obbligo di garantire la regolare effettuazione dei voli schedulati nelle fasce orarie 7-10 e 18-21. L’ENAC, Ente Nazionale dell’Aviazione Civile ha messo a disposizione l’elenco di tutti i voli che il giorno 25 novembre 2019 dovranno operare e per i quali non potrà esserci per legge alcuno stop.

Vedi qui l’elenco di tutti i voli garantiti.

Nel caso in cui il volo da Voi acquistato, nonostante rientri nelle fasce orarie di cui sopra, non venga effettuato a causa dello sciopero, avrete diritto alla compensazione pecuniaria ex art. 7 Regolamento 261/2004 CE. Il risarcimento sarà pari ad euro 250 per tratte inferiori ai 1.500 Km, euro 400 per tratte tra i 1.500 Km ed i 3.500 Km ed euro 600 per tratte superiori ai 3.500 Km.

Ma non è tutto. Molte compagnie aeree non informano espressamente i propri passeggeri del fatto che qualora, a seguito della cancellazione del volo, il nuovo orario o giorno di partenza proposto dalla compagnia aerea non sia di vostro gradimento, avrete diritto a rinunciare al volo e chiedere il rimborso integrale del biglietto aereo pagato. Nel caso invece in cui, il passeggero accetti il nuovo itinerario proposto dalla compagnia aerea, il viaggiatore può comunque recuperare tutte le spese sostenute in attesa del nuovo volo, come ad esempio spese hotel e pasti.

Se negli ultimi 2 anni il Tuo volo previsto nelle fasce orarie garantite 7-10 e 18-21 è stato cancellato causa sciopero, puoi richiedere il risarcimento compilando il nostro modulo on-line. Per ulteriori informazioni e chiarimenti sui Tuoi diritti puoi scriverci a info@flycare.eu.

Flycare Team

Author: Staff

VERIFICA IL RISARCIMENTO
X