Visitare San Francisco

Rimborso volo Vueling è facile con Flycare
Rimborso volo cancellato Vueling
2 Luglio 2019
Volare low cost alle Maldive: bufala o realtà?
Volare low cost alle Maldive: bufala o realtà?
9 Luglio 2019
I tram di San Francisco

Hai sempre sognato di immergerti tra le sinuose stradine di San Francisco? Vuoi scattare una foto sensazionale con lo skyline del Golden Gate Bridge? Leggi l’articolo e scopri cosa vistare San Francisco 

Ricca e pure bohemien, cosmopolita ma anche provinciale, gay e puritana, vecchia ma tremendamente giovane, San Francisco ha qualcosa da offrire ad ogni turista contemporaneo.

Un po’ Firenze per la sua cultura artigianale, un po’ Boston per le sue influenze politiche ed etniche, la città è una delle più belle di tutta l’America. E’ compatta, elettrica, romantica ed esotica. Una metropoli che riserva numerose sorprese tutte da scoprire.

Scopriamo insieme tutte le bellezze che San Francisco offre ai suoi turisti.

SAN FRANCISCO: LA STORIA

San Francisco, quarta città di tutta l’America per numero di abitanti, è una delle metropoli più belle degli Stati Uniti. Situata sull’omonima penisola sulla costa settentrionale dello stato della California, durante la corsa all’oro, si trasformò da un tranquillo paese di 500 anime, nel 1847 ad una chiassosa città di ben 20.000 abitanti nel 1849.

Giunsero popolazioni da tutta l’America portando con sé i loro costumi e le loro usanze. Anche i mercanti yankee, intenti di fare della città l’emporio del nuovo mondo, si stabilirono in città contribuendo a farla diventare quella che conosciamo oggi. Una città cosmopolita ricca di cultura e arte.

Devastata dal terremoto e dal conseguente incendio del 1906, San Francisco riscoprì il proprio splendore grazie al successo della Panama Pacific Exposition, del 1915, che ne sancì il suo riscatto.

I tram di San Francisco

Chi visita oggi a San Francisco, viene travolto da una festa di delizie culturali e culinarie. Alimentata in gran parta dal denaro della Silicon Valley, la città è diventata la patria della haute cusine più audace di tutta l’America.

Ciò ha permesso di rimettere a nuovo anche le vecchie e vulnerabili istituzioni culturali, come la nuova sede dell’Asian Art Museum presso il Civic Center.

Ed è difficile resistere al fascino della Golden Gate National Recreation Aerea, una vasta distesa di prati, spiagge spazzate dal vento, contorti alberi di madrono e brumosi sentieri nella foresta.

LE ATTRAZIONI DA NON PERDERE A SAN FRANCISCO

Ma quali sono le attrazioni che assolutamente bisognare vedere a San Francisco? 

1 Il Financial District situato tra le vie Pine e, Washington, Montgomery e Drumm, che presenta diversi edifici interessanti. Come le sue basi nell’epoca della corsa all’oro, il settore bancario di San Francisco ha mantenuto a lungo un alto profilo e, dalla fine degli anni 60, hanno fatto letteralmente anche i suoi edifici. Infatti il primo a grattare il cielo con ben 52 piani fu il Bank of America, costruito nel 1969, conosciuto oggi come  il 555 California Street, seguito subito dalla peculiare Transamerica Pyramid che, con la sua forma indistinguibile alta 260 metri, caratterizza lo skyline della città. Tra gli edifici più vecchi che meritano maggiore attenzione c’è la Pacific Exchange, edificio della borsa regionale della California.

L’accesso a molti edifici del Financial District è riservato agli uomini d’affari ma osservarli dall’esterno, fortunatamente, non costa nulla. Una via tutta da scoprire è anche la vivace Montgomery Street che attraversa tutta la città.

2 Chinatown, fondata alla metà del XIX secolo, è stata per lungo tempo, il punto di riferimento storico per le comunità sino-americane della città, ora notevolmente assimilata ma comunque fiera delle proprie origini. Situata tra Brodway, Kearny e Bush streat, Chinatown è, oramai, un quartiere un po’ sbiadito dal tempo, tanto che molte delle vecchie famiglie si sono trasferite altrove. Lo shopping la fa, comunque, da padrona in questa zona di San Francisco. Infatti è possibile acquistare tantissimi oggetti cha vanno dalle economiche curiosità asiatiche agli intramontabili souvenir.

Gli amanti del cibo non possono non imboccare Stockton Street, via in cui fruttivendoli vendono i propri deliziosi prodotti in negozietti varipinti posizionati vicino ad ottime erboristerie cinesi. E’ possibile godere di una delle migliori viste di Chianatown dal ristorante all’ultimo piano Empress of China, arredato elegantemente in stile Hong Kong. Invece, per bere un ottimo Mai Tai, optate per Li Po Louge.

3 North Beach, racchiuso tra Brodway, Montgomery street, Lombard street e Mason street, fu inizialmente punto di sbarco degli immigrati italiani e francesi fino alla metà degli anni 50, quando fiorì come centro letterario della beat generation. North Beach ha rappresentato, per lungo tempo, il teatro divertente e disinvolto della vita di strada. Con la sua abbondanza di cibo sostanzioso, gli spettacoli erotici un po’ pacchiani, gli storici caffè letterari e le ottime boutique, induce i turisti a tornarvi più volte.

Oggi, la presenza italiana è inconfondibile, soprattutto nei locali come Caffè Trieste, and Rose Pistola. Tra le vie del quartiere è possibile ammirare le recenti opere di artisti locali. Una meta obbligata per i bibliofili è senza dubbio il City Light, book shop ricco di testi e con un vasto assortimento di romanzi e di saggistica politica. Vale la pena curiosare anche tra i negozietti di antiquariato per i loro oggetti italo americani. Oppure gironzolare fino a Grant Avenue dove sono collocati alcuni negozi estremamente originali

4 Nob Hill, punto più alto della città con 103 metri sopra il livello del mare, è stato per lungo tempo l’indice più evidente della ricchezza e della posizione sociale di San Francisco. Molto particolare è la visita dei 3 lussuosi hotel degli anni Venti: il Mark Hopkins, il Fairmont e l’Huntington. Ma anche un bellissimo e romantico giro sui caratteristici tram che popolano le stradine.

5 Il Golden Great Bridge, simbolo indiscusso di san Francisco, con il suo particolare colore, rappresenta un’attrazione unica. Lungo ben 2700, è un ponte in acciaio molto elegante ed è espressione di pura forza di volontà. Quando fu inaugurato nel 1937, rappresentava la struttura più grande al mondo.

Oggi sarebbe difficile immaginare un posto migliore da cui iniziare un viaggio romantico per San Francisco. La mattina, con la tipica nebbiolina fresca, è il periodo ideale per una lunga passeggiata a piedi o perché no, anche in bicicletta, ammirando tutta la bellezza della città. Lungo quasi tre chilometri, il ponte è accessibile ai pedoni solo da aprile ad ottobre. E’ consigliabile, inoltre, indossare una giacca proprio per ripararsi dal forte vento che soffia su di esso.

6 Le Painted Ladies, le tipiche villette a schiere colorate con tonalità pastello, rappresentano lo stile vittoriano per eccellenza. L’architettura rappresenta una sintesi perfetta di tutto ciò a cui aspirava la borghesia della città di quei tempi.

Espansione, posizione sociale, conformismo, vita domestica e rigore: queste le caratteristiche delle Ladies. Tra le più note vi è la Queen Anne Hotel che, con la sua torretta dalla grande cupola, i timpani a punta e i vistosi intagli, incarna pienamente lo stile vittoriano.

 

7 Alcatraz e Angel Island non possono di certo mancare. Soprattutto se visitate San Francisco per la prima volta. Il brivido di calcare le orme di Al Capone è mitigato dalla malinconica natura della prigione più famosa al mondo. Un’esperienza memorabile che deve essere assolutamente vissuta appieno.

Le guide raccontano dei mille tentativi di fuga, la maggior parte non andate a buon fine, e dei vari criminali celebri che hanno vissuto tra le celle.

L’Angel Island, a differenza di Alcatraz, rimane una delle mete poco turistiche della città. E’ l’isola più grande della baia di San Francisco ed è nota per la vecchia Immigration Station at China Cove, luogo dove migliaia di immigranti asiatici e russi venivano smistati agli inizi del XX secolo. L’isola offre bellissimi sentieri in cui perdersi romanticamente mano nella mano.