Nuove Cancellazioni Ryanair fino ad Aprile 2018. Quando e come richiedere il risarcimento? Ecco alcuni utili consigli

Quando e Come richiedere il risarcimento del volo cancellato

La compagnia aerea low cost, già nel caos dopo gli oltre duemila voli cancellati entro la fine del mese di ottobre 2017, ha annunciato nuovi stop per questo inverno e fino ad Aprile 2018, creando disagi per oltre 400.000 passeggeri in tutta Europa.
E’ impressionante il numero di voli cancellati in sole 6 settimane dalla compagnia aerea di Dublino, difatti sono oltre 2.100 le cancellazioni che causeranno disagi a circa 315.000 passeggeri.
Ryanair farà volare 25 aerei in meno fino ad Aprile 2018, della sua flotta di 400 aeroplani, per un totale di circa 18.000 voli in meno, ma non è tutto, la riduzione dei voli dovrebbe continuare per tutta la stagione primaverile ed estiva.
Alla luce dei disagi arrecati da Ryanair ecco una pratica guida alla richiesta del risarcimento affichè tutti i passeggeri possano facilmente valutare se il rimborso proposto dalla compagnia aerea sia appropriato oppure se sia abbia diritto a un risarcimento superiore.

Quando si ha diritto al solo RIMBORSO del biglietto aereo pagato?
Il passeggero ha diritto al rimborso integrale del biglietto aereo pagato e non ad un risarcimento superiore quando:
1. la compagnia aerea comunichi la cancellazione con 2 settimane di anticipo (14 giorni prima della data del volo);
2. la compagnia aerea comunichi la cancellazione del volo nel periodo compreso tra due settimane e sette giorni prima dell’orario di partenza previsto e sia stato offerto al passeggero di partire con un volo alternativo non più di due ore prima dell’orario di partenza previsto e di raggiungere la destinazione finale meno di quattro ore dopo l’orario d’arrivo previsto;
3. la compagnia aerea comunichi la cancellazione del volo meno di sette giorni prima dell’orario di partenza previsto e sia stato loro offerto di partire con un volo alternativo non più di un’ora prima dell’orario di partenza previsto e di raggiungere la destinazione finale meno di due ore dopo l’orario d’arrivo previsto.

Quando si ha diritto alla COMPENSAZIONE PECUNIARIA come da Regolamento 261/2006 CE?

Il passeggero ha diritto alla compensazione pecuniaria come da Regolamento Europeo quando:
1. la cancellazione del volo non viene comunicata;
2. la cancellazione del volo viene comunicata tra le 2 settimane di anticipo e sette giorni prima del volo e sia stato offerto al passeggero di partire più di due ore prima del volo previsto oppure di raggiungere la destinazione finale con almeno quattro ore di ritardo;
3. la cancellazione del volo viene comunicata meno di sette giorni prima del volo e sia stato offerto al passeggero di partire più di un ora prima del volo previsto oppure di raggiungere la destinazione finale con almeno due ore di ritardo;

Per ulteriori informazioni e chiarimenti sulla normativa applicabile e sui singoli casi di rimborso è possibile contattare lo staff di Flycare ed i suoi avvocati esperti nel diritto dei trasporti europeo e dei consumatori scrivendo al seguente indirizzo: info@flycare.eu o compilando il modulo on line: http://flycare.eu/invia-segnalazione/
Riceverai in breve tempo una risposta al Tuo caso senza alcuna spesa

Flycare Team