Sciopero Ryanair 10 agosto 2018! Come ottenere il rimborso

L’estate 2018 è una delle più calde per i passeggeri di mezza europa. In tanti, in procinto di partire per le tanto attese vacanze estive si sono visti cancellare il proprio volo. Dopo lo sciopero dello scorso 25 e 26 luglio che ha causato non pochi disagi ai passeggeri, ecco un nuovo sciopero Ryanair previsto per il 10 agosto. Lo sciopero inizierà alle 3 del mattino di venerdì 10 agosto e terminerà sabato 11 agosto alle 15.00. 

Le cause dello sciopero sono ormai note, si tratta delle rivendicazioni economiche dei piloti e del personale di cabina di Ryanair che rivendica salari migliori. Martin Locher, sindacalista di Vereinigung Cockpit ha riferito che ad oggi la compagnia aerea ha categoricamente escluso qualsiasi aumento di stipendio. 

Saranno circa 600 i voli cancellati il 10 agosto. Ne saranno cancellati 250 da e per la Germania, 300 da e per l’Irlanda, 104 in Belgio e 22 in Svezia. Quindi i disagi non mancheranno anche per tutti gli italiani che in quei giorni dovranno dirigersi verso questi paesi. 

Come faccio a controllare lo stato del mio volo?

Se non sei stato già aggiornato da Ryanair tramite SMS o e-mail, puoi facilmente controllare lo stato del tuo volo cliccando qui 

In caso di sciopero ho diritto al rimborso?

La risposta è Si. Il passeggero a cui verrà cancellato il volo, potrà scegliere tra la riprotezione su un altro volo o potrà decidere di rinunciare al volo e richiedere il rimborso. 

Nel caso in cui chieda il rimborso e poi acquisti un nuovo volo con altra compagnia aerea per raggiungere la destinazione finale, avrà diritto alla differenza di prezzo tra il costo del nuovo volo ed il rimborso già ottenuto. 

Puoi richiedere il rimborso per volo cancellato causa sciopero con l’aiuto di Flycare. Basta compilare il modulo on-line ed inviare tutta la documetazione necessaria.

In caso di cancellazione del volo per sciopero ho diritto anche all’ulteriore risarcimento? 

Non sempre, dipende dall’orario del volo e dal tipo di sciopero.

Anche in caso di sciopero la legge tutela i passeggeri, difatti, ci sono delle fascie orarie garantite nelle quali il trasporto non può essere interrotto. Le fascie orarie garantite secondo la legge 146 del 1990 sono: 7-10 e 18-21. 

Se il volo era previsto in tali fascie orarie e nonostante ciò viene cancellato, il passeggero avrà diritto al risarcimento. La compensazione pecuniaria prevista varia a seconda della tratta da 250 euro, 400 euro, fino ad euro 600 per le tratte superiori ai 3.500 Km.

Se poi lo sciopero è diretta conseguenza di una decisione della compagnia aerea e quindi non sfugge al suo controllo, non potrà essere considerato circostanza eccezionale. In  tale caso tutti i passeggeri a cui sia stato cancellato il volo avranno diritto alla compensazione prevista dal Regolamento Europeo 261/2004 CE. A deciderlo è stata la Corte di Giustizia Europea con la recente sentanza di Aprile 2018.

Controlla tramite Flycare se hai diritto al risarcimento in caso di sciopero compilando il seguente modulo  

Potrebbe interessarti anche:

Sciopero 8 giugno 2018, voli aerei a rischio;

Sciopero aerei 8 marzo 2018. Come essere risarciti;

x

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi puoi modificare le tue impostazioni nel nostro Centro Privacy. Cliccando "Accetto", invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie.

Accetto Privacy Cookie